Impianti TV satellite

Progettazione, realizzazione e manutenzione di
  • impianti TV satellite singoli fissi, dual-feed, multifeed
  • impianti TV satellite motorizzati con comando tramite cavo coassiale
  • impianti TV satellite motorizzati con attuatori a pistone o motore H-H
  • impianti TV satellite centralizzati di tipo a multiswitch radiali a multiswitch in cascata oppuire IF-IF
  • impianti TV satellite con transmodulatori per strutture ricettive

L'installazione dell'impianto antenna TV satellitare offre l'opportunità di ricevere programmi Radio / TV nazionali ed esteri.
È importante precisare che l'impianto antenna TV satellitare non va inteso come sostitutivo di quello terrestre, bensì come integrativo, perché la maggior parte dei canali televisivi locali non sono presenti sulle attuali piattaforme satellitari.
L'impianto antenna TV satellitare è attualmente indicato per la ricezione della piattaforma SKY, dei programmi radiotelevisivi esteri, dei principali programmi nazionali e per coloro che abitano in zone non servite dai ripetitori terrestri (piattaforma Tivusat) oppure per fruire di particolari programmazioni e/o servizi, trasmessi esclusivamente via satellite.

IMPIANTI TV SATELLITE FISSI

Con una sola antenna parabolica, oltre al classico impianto mono-feed per la ricezione di HotBird, è possibile ricevere più di un satellite senza ricorrere alle motorizzate.
Le onde elettromagnetiche provenienti da una stessa direzione convergono nel punto focale della parabola e vengono ricevute dall'LNB; tramite appositi supporti ( dual-feed o multi-feed ) è possibile montare altri LNB affiancati al principale per la ricezione dei satelliti adiacenti. E' ovvio che più ci allontaniamo dal punto focale primario della parabola, minore è il segnale ricevuto. I cavi provenienti dai diversi LNB vanno poi collegati a un commutatore automatico che sfrutta il sistema DISEqC, grazie al quale possiamo passare da un satellite all'altro, semplicemente cambiando canale. Il ricevitore / decoder tramite il protocollo DISEqC dialoga con il commutatore, indicando da quale ingresso ricevere il canale selezionato.

IMPIANTI TV SATELLITE MOTORIZZATI

La parabola motorizzata consente una duttilità particolare al tuo impianto di ricezione tv satellitare: a differenza delle consuete antenne satellitari fisse a mono feed o dual feed, consente al tuo apparecchio di recepire i segnali dei nuovi satelliti e canali messi a disposizione per la TV via sat. Con un motore alla base, la tua parabola avrà maggiore possibilità di captare canali al di là di ogni immaginazione. Ma la parabola motorizzata conviene? Partiamo dal costo di una parabola fissa e da quello di una mobile: praticamente la differenza è esigua, perché, in realtà, è la tipologia di motore montato a caratterizzare i costi.
Nel caso di parabole di piccole dimensioni (fino a un massimo di 120 cm) possiamo usare motori di tipo rotorsat in alluminio con posizionatore compatibile DiSEqC 1.2, rotazione fino a 95° e controllo tramite singolo cavo coassiale ( protocollo USALS). Per parabole di maggiori dimensioni, invece, si utilizzano motorizzazioni di tipo H-H a 36V o attuatori a pistone (per antenne con supporto polare).

IMPIANTI TV SATELLITE CENTRALIZZATI

Per collegare più decoder a un’antenna parabolica è necessario realizzare un impianto a multiswitch Esistono LNB per collegare fino a quattro oppure otto decoder alla stessa antenna. Per gli impianti a cui collegare più decoder  è necessario impiegare dei multiswitch distinti in due tipi: radiali o in cascata.
I multiswitch radiali permettono di collegare i decoder ognuno con un proprio cavo indipendente con una configurazione radiale definita anche “a stella”,  i multiswitch in cascata permettono la connessione di più decoder a una linea di discesa ( realizzata con 4 cavi nel caso si riceva da un solo satellite ) . Vi sono poi LNB e multiswitch con tecnica SCR (Satellite Channel Router), chiamata anche Unicable con i quali si possono collegare fino a 4 decoder a un singolo cavo, ai quali si sono aggiunti più recentemente quelli con tecnologia dCSS (  digital Channel Stacking Switch ), con i quali è possibile collegare fino a 16 apparecchi per ogni uscita. Ovviamente queste ultime due tipologie di impianto richiedono decoder o TV compatibili

IMPIANTI TV SATELLITE PER STRUTTURE RICETTIVE

I transmodulatori SAT-DTT permettono di ricevere le trasmissioni SAT Free To Air o codificate presenti in un transponder e di distribuire mediamente 4/5 programmi rimodulati ciascuno in un sistema di antenna TV centralizzato in formato digitale (COFDM).
I transmodulatori sono ideati per convertire segnali da satellite in digitale terrestre e sono ideali per strutture alberghiere, condominiali o comunità. Sfruttano un’operazione di transmodulazione per convertire la modulazione Sat (QPSK) nella modulazione utilizzata per il digitale terrestre (COFDM), riuscendo a distribuire negli impianti centralizzati una parte dei canali SAT, sfruttando le frequenze del DTT.
Le centrali di questo tipo rappresentano un’ottima soluzione per hotel, condomini, comunità, strutture ospedaliere etc., dove è richiesta la distribuzione di segnali satellite senza l’utilizzo di decoder alla presa o senza modificare l’impianto d’antenna; in altri casi è richiesto l’uso della centrale per ricevere da satellite i servizi nazionali non disponibili nella zona in DTT. Spesso negli hotel è richiesto un servizio integrativo alla normale offerta TV nazionale, con una selezione di canali esteri. In questo caso è possibile comporre una centrale “su misura” combinando i vari moduli in base al numero di transponder desiderati. Grazie alla tecnica di transmodulazione QPSK/COFDM è, quindi, possibile convertire programmi da satellite in digitale terrestre, mantenendone intatta la qualità ed i servizi (e.g. Televideo, EPG, sottotitoli etc.).
Share by: